lunedì 21 gennaio 2013

Un culo come n'or de notte

L'artro giorno me ne stavo tranquilla ar giardinetto sotto casa mia. Me leggevo attenta attenta 'na rivista.
Sai, de quelle pe' le femmine, piene de stronzate su come fa' pe' esse più belle, più secsi e piacé de più all'ommini.
Tutte l'ho provate le ricette! N'avesse funzionata una! Ma che voij fa'? A noi ce piace tanto facce pijia in giro...
A un certo punto se sente 'na caciara! Urli, strilli e botti! Du' regazzini se staveno a menà come pochi. Uno bello grosso aveva messo sotto 'no scrocchiazeppi e lo stava a gonfià come 'na zampogna.
Ecco de botto arivà la madre der piccoletto che, scansato er bisteccone, se lo strigne forte ar petto: "Bello de mamma tua, quante botte!".
Ma io pensavo: "Fija mia, artro che botte! Ja fatto 'n culo come n'or de notte!".

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento